Lo show del ristretto è un’esibizione musicale live inframezzata da sketch comici in cui spiego il senso dei brani e del personaggio con lo scopo di diffondere il pensiero ristretto e la teoria del restringimento del cerbello.

Quando mi è nato nel petto il concetto di restringimento immediatamente ho cominciato a comporre musiche e a mettere assieme materiali che sarebbero diventati il primo cd solista dal titolo Poste & Telegafi.
Era il 2003.

La musica è un veicolo fantastico di trasmissione delle emozioni e degli stati d’animo, ma subito capii che da sola non bastava: per rendere in forma spettacolare l’intuizione del restringimento del cerbello – concetto allo stesso tempo potente ed evanescente, sempre sul filo dell’ironia tragicomica – era necessario che io stesso diventassi maschera e attore principale del dramma, che fosse la mia carne a veicolare il senso attraverso la creazione di un “personaggio” di fantasia.

Nasce così Il Ristretto, e con esso lo show inteso come descrizione spettacolare del dramma della trasformazione che nasconde la gioia della rinascita; il travaglio attraverso cui si arriva finalmente a compenetrarsi nell’esistenza, ad avere il coraggio di essere sé stessi senza condizionamenti.

Nello show del Ristretto questa rivoluzione copernicana dell’essere viene descritta e interpretata attraverso le tracce di Poste & Telegrafi. Il Ristretto, fuori persino dal mio controllo, espone gioioso e stravagante la sua teoria del restringimento.